Consulenza Aziendale Societaria e Fiscale
Contatti rapidi: 0546 81433 - info@studiobulzonisangiorgi.it

MODELLO 730 E DICHIARAZIONE DEI REDDITI

Quando si fa il 730?

Le categorie di soggetti, tra le altre, che possono presentare il modello 730, in luogo del modello Redditi, sono:

  • pensionati;
  • lavoratori dipendenti;
  • lavoratori con contratto di lavoro a tempo determinato per un periodo inferiore all’anno;
  • titolari di redditi assimilati a quello di lavoro dipendente;
  • ecc…

Il principale vantaggio nella presentazione del Modello 730 per lavoratori dipendenti e pensionati (in possesso di determinati redditi) è:

  • In caso di rimborso dell’imposta, accredito diretto in busta paga o nella rata della pensione;
  • In caso di versamento dell’imposta, trattenuta delle somme dalla pensione o dalla retribuzione direttamente in busta paga.

Chi non riceve il modello 730 precompilato oppure chi lo riceve ma non intende utilizzarlo può presentare il modello 730 ordinario o il modello Redditi tramite il nostro Studio.

Documenti per 730

Siamo CAF CGN autorizzato per la compilazione e la trasmissione dei modelli 730 tramite un software dedicato a questo adempimento. Ci occupiamo anche della conservazione dei documenti 730:

  • Certificazione Unica: per redditi di pensione, di lavoro dipendente e assimilati;
  • detrazioni: spese mediche e sanitarie, interessi per mutui, spese d’istruzione, erogazioni liberali, premi assicurativi, spese relative a ristrutturazione edilizia o risparmio energetico, ecc…;
  • deduzioni: contributi previdenziali e assistenziali, contributi per forme pensionistiche complementari, ecc…;
  • Destinazione del 5 e dell’8 per mille.

In caso di controllo siamo noi a mettere a disposizione la documentazione direttamente al CAF CGN, attraverso la piattaforma software.

Dichiarazione dei redditi

Ditte individuali, artigiani, commercianti, professionisti, società, ecc… devono compilare e trasmettere telematicamente all’Agenzia delle Entrate il modello ministeriale della denuncia dei redditi (con allegati gli studi di settore o i parametri) e la dichiarazione IRAP. A seguito della redazione della dichiarazione vi è anche la determinazione delle imposte (IRES, IRPEF, IRAP, ecc…) da versare in acconto e a saldo tramite modello F24. Possiamo anche effettuare simulazioni in corso d’anno.

Perché è importante assicurarsi che siano barrate le caselle evidenziate?

Barrando entrambe le caselle, sia le comunicazioni relative agli esiti dei controlli automatizzati delle dichiarazioni dei redditi, sia le comunicazioni relative agli esiti di eventuali altre anomalie, saranno indirizzate direttamente all’incaricato responsabile dell’invio (Studio) e non al contribuente (cliente).

Gli effetti principali di queste importanti scelte sono:

  • gli esiti dei controlli pervengono direttamente allo Studio, evitando l’inutile passaggio dal titolare della dichiarazione (che dovrebbe poi recarsi presso l’Ufficio);
  • lo Studio ha 90 giorni di tempo per “rispondere” all’avviso, contro i soli 30 giorni che avrebbe il titolare della dichiarazione.
Condividi su: